mercoledì 11 marzo 2020

Il Punto Sulla WWE, Special #IoRestoInCasa Coronavirus Edition

Il Punto Sulla WWE, Special #IoRestoInCasa Coronavirus Edition
In questo periodo in cui dobbiamo restare a casa, possibilmente senza farci prendere dal panico, andiamo ad analizzare gli ultimi avvenimenti di casa WWE e come il Coronavirus potrà influire su WreslteMania 36.


Se domenica notte non vi siete fatti influenzare dalle scellerate dichiarazioni del nostro governo, uscendo di casa in tutta fretta per prendere un treno e correre ad infettare i vostri cari, oppure non avete pensato di andare a svaligiare il supermercato più vicino facendo scorte per il vostro personale bunker, avrete sicuramente visto Elimination Chamber.

Avevo pensato di fare il solito review, ma francamente ne valeva poco la pena. Tutto quello che c'era da dire su Elimination Chamber lo avevo detto in fase di preview. Fondamentalmente è stato un buon PPV nel lottato ma rimangono le considerazioni fatte in precedenza, ovvero uno show del tutto anonimo e inutile, del quale si può commentare solo la Chamber femminile nel Main Event.

La Prestazione di Shayna Baszler a Elimination Chamber


Shayna Baszler quella è, prendere o lasciare, ma da Elimination Chamber ne viene fuori una sorta di Shayna Lesnar o Brock Baszler che dir si voglia. E tutto sommato non voglio discutere neanche quello, c'è bisogno di creare il massimo hype attorno al match contro Becky Lynch e quindi... E quindi si esagera! E non si è esagerato facendo sottomettere tutte le rivali, si è esagerato con quegli incredibili intervalli lunghi 5 minuti nei quali non accadeva niente, rendendo la Chamber una porcheria unica. E tutto ciò è francamente inspiegabile e non ha niente a che fare con un push: Shayna avrebbe potuto sottometterle tutte comunque ma il match aveva il diritto di potersi chiamare tale ed avere una competizione quantomeno guardabile. E invece abbiamo avuto solo quegli interminabili minuti di nulla, con la Baszler che allargava le braccia trionfante e Asuka che gridava come un'indemoniata dentro la propria cella di pexiglass. In 30 anni di wrestling credo sia una delle cose più brutte che abbia mai visto.

Il bello è che la giustificazione a tutto ciò è stata che, dato che tutti ormai sapevano che Shayna Baszler avrebbe vinto, tanto valeva renderla più dominante possibile. Ma il dominio non può andare a scapito di un intero match, a maggior ragione se questo è il tuo Main Event e con dentro 6 persone. La prestazione di Brock Lesnar alla Rumble è stata dominante, ma alla fine Brock è uscito e il match è proseguito. Qui il match, da quando è entrata la Baszler, semplicemente non è esistito e per l'ennesima volta il pubblico ha abbandonato l'arena e si è riversato sui social ad inveire. Se volevano creare un top heel (e Baszler lo era già), sono riusciti invece a creare un personaggio odioso che non desta alcun interesse.

A proposito di stupidaggini, facciamo un passo indietro fino a Super ShowDown e a RAW della scorsa settimana. Prima però, dato che sto battendo sulla MIA tastiera da un po', vado a lavarmi le mani per almeno 40 secondi, prima col sapone e poi con l'amuchina. Torno subito eh?!

Roman Reigns vs. Goldberg a WrestleMania 36, The Fiend vs. Cena


Bene, tornato con le mani linde e profumate, riprendiamo il discorso sulle stupidaggini. Quando al termine del review di Super ShowDown avevo detto che la vittoria di Goldberg su Bray Wyatt ci poteva anche stare, non avevo considerato la follia che ne sarebbe venuta fuori il giorno dopo a RAW. Doppia follia a dir la verità, perché non solo per Bray Wyatt non c'è un rematch ma, soprattutto, Roman Reigns si candida da sfidante al titolo perché... Già, perché? Inizialmente era previsto l'Elimination Chamber maschile ma dato che il vincitore era già scritto, la WWE ha pensato bene che dichiararsi sfidante con un perentorio "I'm next" fosse un'idea geniale. Eh già... Ci hanno messo anni per ricostruire l'immagine di Roman Reigns, ci hanno messo 5 secondi per distruggerla nuovamente. Sia Reigns che Goldberg saranno fischiati a WrestleMania 36, già è stato promesso sui social, quindi tanti auguri.

E il nostro Fiend? Beh, Wyatt si è giustificato su twitter dicendo che a "volte sono necessari sacrifici per arrivare a quello che vuoi davvero", lasciando intendere che per lui sia più importante vendicarsi della sconfitta subita per mano di John Cena a WM30. A prescindere dal fatto che oggi non serve una feud per avere un match, ma basta puntare il dito verso il bannerone di WrestleMania presente ad ogni show e che quindi poteva avere la sua vendetta anche con la cintura, trovo il tutto piuttosto imbarazzante. Hai finalmente un personaggio idolatrato, uno di quelli che, se non riesci a vedere lo show vuoi comunque sapere cos'ha fatto, e lo riduci ad un incontro con un semi ritirato dal mondo del wrestling? D'accordo, Bray Wyatt è uno di quello che non ha bisogno della cintura per destare interesse ma, se gliela dai, allora dovresti trovare una vera feud per togliergliela e un degno prosieguo per non ridargliela. Quello che hanno fatto sembra più un perduto interesse per il personaggio e il rischio che l'interesse da parte dei fan sia scemato, c'è!

Bene, vado nuovamente a lavarmi le mani per altri 40 secondi e poi passiamo al finale tutto incentrato sul Coronavirus.

Il Coronavirus Mette WrestleMania e il Wrestling a Rischio


Intanto preciso che il mio lavaggio delle mani è un tentativo di sdrammatizzare. Se stai rinchiuso in casa 24 ore al giorno non hai alcun bisogno di lavarti niente più del normale. Però in giro se ne leggono di ogni e la confusione regna sovrana.

Ma passiamo al Wrestling...

Il Coronavirus sta mettendo in seria difficoltà il mondo del wrestling, per il momento quello giapponese, con la cancellazione degli eventi NJPW, AJPW e STARDOM ma i problemi negli USA stanno iniziando solo adesso e i contagi, proprio come qua, si stanno muovendo velocemente.

Il 28 Febbraio, Stephanie McMahon ha dichiarato che stanno tenendo d'occhio la situazione con molta attenzione e che prenderanno tutte le precauzioni del caso. Era però il 28 Febbraio appunto e purtroppo sappiamo bene con che velocità si diffonde il contagio. Quanto detto 12 giorni fa oggi conta zero e conterà notevolmente meno di zero da qui al giorno di WrestleMania.

Da allora, è notizia del 7 Marzo che la WWE ha messo in atto la No Touching Policy per NXT, estesa poi nella giornata di ieri (10 Marzo) a tutto il roster. E' una misura piuttosto drastica (si tratta dell'impossibilità di toccare i wrestler durante i vari meeting), se si considera che per un autografo si pagano soldi e in molti potrebbero A) non volerli più pagare, B) spaventarsi. E' una misura che anche in questo caso vale per l'oggi, ma da qui al 6 Aprile potrebbe non avere alcun senso.

Intanto, mentre Chris Jericho si lascia andare a stupidi messaggi definendo il Coronavirus come "isteria di massa" e Braun Strowman (a fondo pagina) invita a lavarsi le mani, a Tampa Bay (località di WM36) è notizia di ADESSO che per Giovedì è previsto un meeting con argomento la possbile cancellazione e/o posticipazione di grandi eventi nella città. Ciò include soprattutto WrestleMania 36.

E' una situazione in fase di sviluppo, quindi inutile fare considerazioni su cosa significherebbe cancellare WrestleMania 36. La possibilità però c'è ed è molto forte, tanto che Ryback si è lasciato sfuggire che, all'interno del backstage, molti vorrebbero si andasse proprio verso la cancellazione dell'evento.

In questi giorni, attraverso i social, sto leggendo molto di quello che pensano oltre oceano della situazione e quello che leggo è sconfortante. Ok, sui social abbondano gli idioti, specialmente su Twitter dove con pochi caratteri non puoi esprimere altro che idiozie. Ma i messaggi che tendono a minimizzare la cosa sono decine e decine di migliaia e sembra di rivivere lo stesso film già visto qui in Italia, dove siamo passati dal "è una banale influenza" con inviti ad uscire  e mangiare involtini primavera, allo "state in casa cazzo e guai a chi si muove", con i conseguenti episodi di panico. Ecco, negli USA attualmente è la stessa cosa: il coronavirus è arrivato e si fa dell'ironia invece di prendere precauzioni prima che sia troppo tardi. Se qui abbiamo avuto questa situazione per colpa di qualcuno che tornava dal capodanno cinese o di qualche imprenditore al rientro da un viaggio di affari, pensate al caos che potrebbero causare decine di migliaia di fan, tutti assieme, durante il weekend di WrestleMania.

Purtroppo, non solo per il coronavirus, come tutte le cose devi farci i conti quando ti colpiscono, quindi speriamo solo che negli USA abbiano più fortuna di noi. Dubito cancelleranno WrestleMania, dubito pure chiuderanno gli aeroporti quantomeno agli europei. E dubito pure che da qui si rinunci a partire. Perché siamo idioti, dobbiamo farci l'aperitivo del cazzo sui navigli o il caffè in centro. E ovviamente dobbiamo tornare da mamma e papà mettendo a rischio tutti quelli che ci circondano.

Bòn, torno a lavarmi le mani. #IoRestoInCasa, vi lascio al poco convincente messaggio di Strowman e al più intimidatorio invito da parte di Rocco Siffredi:




1 commento:

  1. Sono perfettamente d'accordo con tutto ciò che hai detto. Ormai se Wrestlemania si farà l'unico match che mi interessa vedere sarà Randy Orton Vs Edge. Il resto sinceramente per la prima volta non mi interessa minimamente. Per il Coronavirus non so ma attualmente non sono per nulla fiducioso... Sia per l'Italia che per tutto il mondo

    RispondiElimina

   
Blogger Widget