venerdì 17 gennaio 2020

Tessa Blanchard Risponde alle Accuse di Razzismo

Tessa Blanchard Risponde alle Accuse di Razzismo
E alla fine Tessa parlò... E non disse niente. Anzi, peggiorò le cose.

Come vi ho riportato nel fine settimana scorso, alla vigilia del PPV Hard to Kill, che da lì a poco l'avrebbe incoronata Impact World Champion, Tessa Blanchard è stata travolta da una serie di pesantissime accuse di bullismo e, soprattutto, razzismo.

Tessa, che fin'ora aveva taciuto, nel corso della notte ha finalmente rilasciato una dichiarazione attraverso quel maledettissimo strumento (ben poco) Social che è Twitter, nella quale dichiara:

"Nell'ultima settimana sono stata accusata di aver chiamato un collega wrestler con un insulto razziale. Leggere questa accusa è stata personalmente sconvolgente. Per essere chiari, non ho assolutamente usato quella parola (negra ndr.). Quella parola non è nel mio vocabolario. Quella parola non è nel mio cuore. Il razzismo non è nel mio cuore.

So che molte persone hanno a che fare con il razzismo in un modo che io non dovrò mai fare. Il razzismo è una parte terribile della storia americana ed è altrettanto terribile che faccia ancora parte della nostra società di oggi. Anche se non ho fatto ciò che è stato affermato, sono pronta a sostenere la lotta contro il razzismo in qulasiasi modo".

Tessa Blanchard nega. Nega e basta, non un dettaglio, non una scusa, un'evidente dichiarazione formale che già avrebbe detto poco pure se fosse stata dichiarata per canali più ufficiali ma che, fatta sul "ben poco sociale" Twitter, non fa altro che alimentare gli animi dei suoi accusatori.

Perché è chiaro, suppongo nessuno possa mai portare prove provate a confermare o a smentire le accuse verso la Blanchard, ma Tessa si troverà sempre sola contro tutti perché lei stessa non potrà provare la sua innocenza, mentre (statene CERTI) altre accuse le pioveranno sul capo. E altre accuse le pioveranno sul capo a maggior ragione adesso quando, negando l'accaduto, ha praticamente accusato le persone coinvolte di MENTIRE. Non so se la Blanchard se ne sia resa conto, perché di questo si tratta e suppongo La Rosa Negra e le altre non facciano molta fatica a trovare ulteriori testimoni alle loro accuse.

Quindi mentono tutte? Tutte hanno trovato un timing perfetto, si sono telefonate e nel giro di pochi minuti hanno organizzato un complotto nei confronti di Tessa Blanchard, magari invidiose di quell'idiozia di titolo che 24 ore dopo avrebbe conquistato? E l'hanno fatto non sapendo che la Blanchard avrebbe fatto quel Tweet in quel preciso momento? Suvvia Tessa, raccontacela meglio e non prenderci in giro, perché nella vita reale la keyfabe non c'è, le idiozie lasciatele in TV.

Personalmente non la giudico una razzista... Come può una che stava con Ricochet (sebbene Ricochet stesso abbia dichiarato che l'ha mollata per il suo carattere) essere razzista? Al giorno d'oggi la gente campa di paroloni del quale spesso non conosce neanche il preciso significato e, soprattutto, campa di ipocrisia, predica bene e razzola male. Tutti, tutti noi. Se uno è incazzato, ce l'ha con te e sei nero, userà nero seguito da un aggettivo dispregiativo a piacere per colpirti di più, così come se sei del sud dirà terrone, se sei grasso dirà ciccione (pfff quanto me l'hanno detto da ragazzino) etc. etc. etc. Al massimo sarai un imbecille, idiota, coglione... ma da qui a definire razzista una persona, ce ne passa. E se tu, sì, tu che stai leggendo, nella tua vita non hai mai offeso nessuno ricorrendo al più bieco insulto, cortesemente scrivimi che ti propongo come santo subito...

Detto questo e concludendo, Tessa Blanchard è un'emerita imbecille, questo sì, e meglio avrebbe fatto a chiedere scusa per poi tirate avanti. Adesso, suppongo la storia non si plachi e per questo il danno di immagine si allarghi a dismisura, per lei e per Impact Wrestling. Tessa o chi per lei ha aspettato 5 giorni per una dichiarazione, forse avrebbe fatto meglio a pensarci un paio di giorni in più.



Nessun commento:

Posta un commento

   
Blogger Widget