domenica 11 agosto 2019

Quando il sangue non serve per rendere un incontro EXTREME (No Spoiler Vincitori)

Nxt Takeover Toronto ormai è andato agli archivi ma che cosa ci lascia questo evento targato brand giallo della Wwe?

A Toronto si sono visti parecchi match interessanti, la perfetta alchimia tra Velveteen Dream, Pete Dunne e Roderick Strong, una Io Shirai che ha tirato fuori dal cilindro un match solidissimo contro Candice LaRae. Personalmente non mi piace il modo di lottare della Bazsler, ancora troppo arti marziali miste e poco wrestling però a quanto pare la Wwe sta andando sempre più verso questa tipologia di lottatori.
La ciliegina sulla torta però è stata assolutamente la conclusione della faida tra Johnny Gargano e Adam Cola (Bay Bay). Questo match anzi, questi match sono stati quello che uno vorrebbe vedere ogni volta in un ring di wrestling, che sia di una federazione indipendente o di un'ultra super premiata federazione.
Non sono qui a giudicare la scelta del vincitore, vorrei solo porre l'attenzione agli ultimi due match del "3 Stages of Hell", uno street fight match e un barbed wire steel cage match. Specifichiamo che la gabbia non solo aveva il filo spinato sulla parte superiore per impedire l'uscita o l'eventuale intromissione di altre persone, ma erano presenti diversi oggetti contundenti all'interno di essa. Cole e Gargano l'hanno fatta da padrone in entrambi i match mostrando al pubblico dell'evento che avere un match extreme non vuol dire sangue ma vuol dire duri colpi, tavoli in frantumi, kendo stick squarciate, sedie dismesse ed estintori sparati in faccia all'avversario. Un match extreme che ha portato sì un campione ma ben due vincitori.
Ovviamente la disperazione è stata tanta quando tutti sognavano, all'apertura del sacchetto di iuta, un enorme ammasso di puntine da disegno e invece sono uscite semplicemente un paio di tirapugni e qualche tenaglia che più un sacchetto utile per l'incontro sembrava che un qualche membro della sicurezza l'avesse dimenticata.
Non sono qui per dare voti ma per apprezzare quanto questo match, senza far uscire una goccia di sangue, sia diventato uno dei migliori match estremi visti negli ultimi anni.
Grazie Cole e grazie Gargano, come sempre avete dimostrato a noi spettatori che non servono maschere di sangue per rendere un match decente, basta fare solo ciò che a uno piace.. il wrestling!

Nessun commento:

Posta un commento

   
Blogger Widget